La nuova sfida di Melanzì

melanzi-sicilybay-news

Giro di boa per la cooperativa Ortonatura di Vittoria (Ragusa). Da luglio, infatti, appende al chiodo il marchio de La Signora Melanzana. Al suo posto, rinnova con quello di ‘Melanzì’.

Decolla – causa Covid19 – un canale e-commerce che, in soli tre mesi raggiunge il 30% del fatturato ed entra in Aldi. Il retailer tedesco collaborerà, come partner, attraverso il progetto Road to Quality, al percorso della prima certificazione block-chain dedicata alle melanzane siciliane.
Nuccia Alboni insieme al marito Fabio Alessandrello e ai figli Silvio e Alessandra, porta avanti la cooperativa. Oltre ad essere una food blogger ufficiale di Rijk Zwaan con la sua pagina Melanzanopoli per la quale sta per creare un sito proprio.
Il brand “La Signora melanzana”, ormai apparteneva ad una storia che aveva fatto il suo tempo.
Perciò il brand aziendale, Melanzì utilizzato fino a quel momento solo per le conserve orticole, è stato rinnovato. Divenendo quello principale.
“Mio figlio Silvio – spiega Alboni – ha creato, dal nulla, un canale di e -commerce avviando una collaborazione con l’azienda specializzata in home delivery, che si chiama ‘Raccolto e mangiato’. Ha creato, quindi, una specifica piattaforma logistica; un magazzino, da cui, ogni mattina, sempre da luglio, partono pedane per tutt’Italia, non solo di verdure fresche ma anche di mozzarelle, ed altre specialità. Questo ci ha permesso non solo di ammortizzare la perdita del canale Horeca ma di implementare il fatturato di un ulteriore 10% dato che il canale e-commerce ormai assorbe il 30% del nostro giro d’affari. Questo è il futuro”.

Condividi su:

Articoli recenti

Scopri i nostri Prodotti